Aspetti della produzione pianistica di Aleksandr Skrjabin, Associazione Bogliasco per Skrjabin, Bogliasco (GE), 14-15 novembre 1991.

­La Sonata per pianoforte in Mi bemolle minore fu composta da Skrjabin fra il 1887 al 1889, cioè fra i 15 e i 17 anni di età, quando egli era appena stato ammesso al Conservatorio di Mosca; nonostante la Sonata fosse già ultimata e richiedesse solamente una revisione, Skrjabin pensò di pubblicarne solo il primo movimento che, con alcuni piccoli cambiamenti, fu dato alle stampe nel 1892 come “Allegro appassionato” opera 4. Il manoscritto originale non ci è pervenuto integro, mancano infatti alcuni brevi passaggi del secondo e del terzo movimento, che possono essere comunque facilmente ricostruiti: di qui le varie elaborazioni che si sono succedute dopo la morte di Skrjabin, da quella del suo amico e biografo Leonid Sabaneev nel 1918, a quella del pianista Roberto Szidon nel 1972, a quella del compositore sovietico Vladimir Blok, il quale, per ricostruire il contenuto di una pagina strappata nel manoscritto tra il secondo e il terzo movimento, si è servito di alcuni elementi musicali tratti dal primo movimento. Per quanto si possa dissentire dal voler riproporre un’opera nella forma a suo tempo ripudiata dal compositore, nel caso di questa sonata l’operazione di recupero non sembra errata: il secondo e terzo movimento, che si succedono senza soluzione di continuità, presentano infatti evidenti analogie tematiche con il primo, il quale a sua volta è un poco diverso dall’ “Allegro appassionato” op.4. L’appellativo di Sonata n. 0,suggerito da alcuni studiosi, non pare quindi affatto inappropriato. Un’altra motivazione ci induce a considerare lecito il recupero della versione originale: nel 1889 Skrjabin cambiò insegnante di contrappunto e fuga, Arenskij succedette infatti in quella cattedra a Safonov, divenuto nel frattempo direttore del Conservatorio di Mosca. Arenskij prese subito in antipatia Skrjabin, non perdendo occasione per umiliarlo, e ci sono buoni motivi per credere che sia stato lui a indurlo a sopprimere il secondo e terzo movimento della Sonata, giudicandoli mal riusciti. La Sonata n.0 è la prima opera in cui si manifestano chiaramente i caratteri dello stile giovanile di Skrjabin. Il primo movimento, in forma Sonata tradizionale, si apre con un ansimante motivo di terzine costituito da appoggiature ascendenti di semitono che, ripetendosi per ben 33 battute, contribuisce a creare un’atmosfera di particolare tensione emotiva; l’uso di terzine è tipico di tutta la produzione di Skrjabin, ed è all’origine di quella instabilità e indeterminatezza ritmica che caratterizzerà in forme sempre più raffinate la sua ulteriore produzione. Il secondo tema appare improvvisamente, luminoso e sereno, creando un efficacissimo contrasto con il tumultuso procedere della prima parte; questo contrasto informa di sé tutto il movimento, in un processo di opposizione che sarà caratteristico di molte opere successive di Skrjabin.

Cliccare qui per richiedere il testo completo

 

Indice | Studi | Composizioni | Scritti musicologici
 Promozione culturale | Direzione d'orchestra
Mostre | Convegni | Rassegne musicali | Links

Via Pontevecchio 16, 40139, Bologna (Italia)
Tel. 051 546682
E-mail

© Copyright 2002 Luigi Verdi

script type="text/javascript" language="JavaScript" SRC="http://codicepro.shinystat.it/cgi-bin/getcod.cgi? USER=manteiner&P=1">